Mondo piccolo

Chiesa di Diolo, Soragna

Chiesa di Diolo, nel Comune di Soragna (Parma)

Chiesa di Diolo, Soragna

Appena l’ho vista ho detto: “È un piccolo Duomo di Milano”. Ho saputo poi, durante la visita al Museo dedicato a Guareschi, che lo scrittore lo chiamava proprio così, “piccolo Duomo di Milano”.

Chiesa di Diolo, Soragna
Torre campanaria, Diolo

Torre campanaria di Diolo.
Ospita il Centro del Boscaccio, un museo privato dedicato a Giovannino Guareschi

Museo Guareschi, Boscaccio

All’interno si trovano oggetti personali e memorie dello scrittore

Museo Guareschi, Boscaccio

A gestire tutto ciò, un gruppo di appassionati e amici, in particolare Cesare Bertozzi, un signore gentile pronto a rispondere alle domande su Guareschi. La sua somiglianza fisica con l’autore è impressionante.

Museo Guareschi, Boscaccio

Il museo è a offerta libera: questo luogo esiste solo grazie alla passione di chi, come Bertozzi, è disposto a passare qua intere giornate in attesa di qualche visitatore.

Museo Guareschi, Boscaccio

«[…] tu pianti una gamba del compasso nel bel mezzo della piazzetta, con l’altra tracci un cerchio di settanta o cento metri di raggio, e dentro il cerchio ci trovi tutto: la chiesa, il cimitero, la scuola, la cooperativa rossa, l’osteria […]» (G. Guareschi)

Fontanelle, Chiesa di S. Martino

Fontanelle, frazione di Roccabianca, paese natale di Guareschi. Questa è la chiesa di S. Martino, luogo della sua infanzia. Vicino, c’è il “Circolo Amici di Guareschi”.

Fontanelle, Museo Il Mondo Piccolo

Fontanelle, Museo Il Mondo Piccolo, con la statua di Peppone. Sia lui che Don Camillo sono personaggi ispirati a persone vere. Il primo, il sindacalista Giovanni Faraboli, il secondo, Don Natale Bernini.

Fontanelle, Museo Il mondo piccolo

Gli scariolanti del Po: un lavoro faticoso, sotto la pioggia e dentro il fango, sotto il sole d’estate, sempre spingendo, svuotando e riempiendo la carriola. Trasportavano la terra per bonificare i terreni e costruire gli argini. Partivano di notte per essere sul posto all’alba; anche il pittore Ligabue fece lo scariolante.

Fontanelle, Museo Il mondo piccolo

Due pallet di libri

Fontanelle, Museo Il mondo piccolo

Ricostruzione di una taverna tipica, e foto d’epoca alle pareti

Gramignazzo, Fiume Taro

Gramignazzo,  comune di Sissa: fiume Taro poco prima di sfociare nel Po.

Gramignazzo, Fiume Taro

«[…] in quella fettaccia di terra tra il fiume e il monte, possono succedere cose che da altre parti non succedono. Cose che non stonano mai con il paesaggio […] Perché è l’ampio, eterno respiro del fiume che pulisce l’aria. Del fiume placido e maesto […]» (G. Guareschi)

Gramignazzo

Gramignazzo

Gramignazzo
Gramignazzo, Ponte del diavolo

Gramignazzo, Ponte sul Taro, detto Ponte del diavolo.

Gramignazzo, Ponte del diavolo
Gramignazzo, Ponte del diavolo
Coltaro

Coltaro, comune di Sissa

Coltaro

Garzetta, forse

Coltaro

Cicogna?

Coltaro

Aironi?

Coltaro

Non so, ma la scena m’è piaciuta molto. Appena mi sono avvicinata di più, si sono alzati in volo.

Casalmaggiore, fiume Po

Il Po a Casalmaggiore, provincia di Cremona.

Casalmaggiore, fiume Po

È sempre emozionante trovarsi di fronte il vecchio, Mighty Po.

Casalmaggiore, ponte ferroviario

Casalmaggiore, ponte ferroviario sul Po.

Casalmaggiore, ponte ferroviario
Casalmaggiore, ponte ferroviario

Ho “rischiato” la vita, ma non potevo non fare questa.

Casalmaggiore, riva del Po

«Il fiume scorre placido e indifferente nella pianura e, tra il fiume e i paesi, c’è l’argine: perciò le case non si specchiano nell’acqua, ma le storie d’ogni paese scavalcano l’argine e il fiume tutte le convoglia: storie buffe e storie malinconiche, e se le porta via verso il gran mare della storia del mondo» (G. Guareschi)

Colorno

Colorno (PR)

Colorno

Questa foto non rende giustizia alla magnifica Reggia: questo è solo il retro, ma è un bello scorcio.

Pubblicato da in BLUES & PICS //
È vietata la riproduzione anche parziale di questo articolo senza l'autorizzazione dell'autore


 

4 commenti per “Mondo piccolo

  1. Eric Lovato dL
    6 gennaio 2013 alle 12:10

    Grazie per le bellissime foto, particolarmente quella del ponte ferroviario in nero e bianco colla prospettiva.
    La prossima volta che vengo a Parma andro a visitare la chiesa di Soragna

  2. Sugarbluz
    6 gennaio 2013 alle 12:59

    Sei un fotografo?

  3. Éric Lovato dL
    6 gennaio 2013 alle 15:51

    No, non sono un fotografo, anche se faccio qualche volta due o tre foto per il piacere…

  4. Sugarbluz
    6 gennaio 2013 alle 16:10

    Sono contenta che ti piacciano

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *