Summer Jamboree 2013 – The Paladins

Senigallia

Come fare surf senza onde

Tamarri a mollo

Tamarri a mollo nella pozza d’acqua del bagno in cui la maggior parte va solo per farsi vedere, se non per guardare quelli che ballano il rock ‘n’ roll. Tutti i giorni da mezzogiorno alle sei ci sono tre dj set. Entrando con la macchina fotografica, dietro gli sguardi malcelati ho potuto chiaramente leggere: “Speriamo che fotografi me!”

divette

Hanno vinto queste due, le solite.

Ladyvette

Anche queste sono divette ma sanno cantare, si chiamano Ladyvette.

Ladyvette

Sono brave e simpatiche, dotate di sense of humour e sufficiente brio.

Ladyvette

Cherry, Pepper, Sugar cantano canzonette originali e non-sense stile Italietta.

Ladyvette

Non le ho ascoltate fino alla fine perché di tutto questo liscio e spensierato dopo un po’ ne ho abbastanza, nonostante la piacevolezza delle loro armonie.

Ladyvette

Gli arrangiamenti sono fatti con cura

Ladyvette

E ogni tanto inseriscono piccole gag

Giorgio Cuscito

Bene anche l’accompagnamento: Giorgio Cuscito, sax, Roberto Gori, pianoforte, Alberto Antonucci, contrabbasso e Riccardo Colasante, batteria.

marinai

Braccio di Ferro con un’altra

summer jamboree

dancers

summer jamboree, emcee

Acappella Swingers

Acappella Swingers. Marco Tinnirello (baritono/basso), Antonella Leotta (contralto)

Acappella Swingers

Elisa Caudullo (soprano) e Dario Greco (tenore)

Acappella Swingers

Vengono da Catania e cantano in stile doo-wop

Acappella Swingers

Anche in questo caso è musica che non mi coinvolge particolarmente, ma sono bravi.

Acappella Swingers

Le voci sono molto belle e le sanno usare con effetto particolarmente dolce e armonioso. Forse fin troppo dolce, ma il genere lo richiede.

Acappella Swingers

Buona anche la pronuncia inglese. Inutile invece la comparsata di Greg, senza alcun talento musicale eppure di casa sul palco del SJ come musicista solo perché personaggio televisivo. Idem un altro personaggio inutile visto qui, incompetente e incapace di mettere in fila tre parole senza l’abusato “straordinario”, è Dario Salvatori. Se perfino in TV mostrano tutti i loro limiti, figuriamoci fuori.

Adels Minimal Combo

Pur presentandosi come gruppo a cappella, per buona parte hanno avuto l’accompagnamento di Adels Minimal Combo.

Adels Minimal Combo

Anche loro arrivano dalla Sicilia

Adels Minimal Combo

E suonano rock ‘n’ roll

dj Voodoo Doll

Dj Voodoo Doll

dancers

Alcune coppie di ballerini/maestri di ballo sono chiamate sul palco per una breve esibizione

dancers

Dave Gonzalez, The Paladins

E, finalmente, The Paladins.

Dave Gonzalez, The Paladins

Dave Gonzalez concentrato e fluente tutto il tempo, e così bollente da spezzare due corde.

Brian Fahey, The Paladins

Brian Fahey, motore poderoso e calibrato davvero ammirevole.

Thomas Yearsley, The Paladins

Thomas Yearsley, esuberante e spettacolare.

Thomas Yearsley, The Paladins

Dopo tanti anni hanno ancora un tiro notevole, energico quasi come negli anni Ottanta; sono solo tre e il suono è compatto e trainante.

Dave Gonzalez, The Paladins

Roots rock e americana alla massima potenza

Dave Gonzalez, The Paladins

Splendide Daddy Yar e Kiddio

Dave Gonzalez, The Paladins

Big Mary’s, Slippin’ In, Mercy, Letter Roll, una dietro l’altra senza sosta

Dave Gonzalez, The Paladins

Hot Rod Rockin’, Get on the Right Track, Tore Up, Follow Your Heart

Thomas Yearsley, The Paladins

Yearsley su di giri e in posa per i fotografi

Thomas Yearsley, The Paladins

È il più distratto, ma se lo può permettere.

Thomas Yearsley, The Paladins

Non apprezzo molto i gigioneggiamenti, e Yearsley in questo senso non s’è risparmiato, ma la presenza e l’incredibile drive degli altri due hanno compensato. In ogni caso il suo ficcante slap di sostegno a Gonzalez non è mai venuto a mancare.

Dave Gonzalez, The Paladins

Mi piace tutto di Gonzalez, il suono, lo stile chitarristico e il modo di stare in scena.

Dave Gonzalez, The Paladins

Con l’inseparabile Guild e la collaudata complicità dei due vecchi amici ha cavalcato onde sonore corpose e vibranti.

Dave Gonzalez, The Paladins

L’unica cosa che m’è dispiaciuta è che il ritmo e il volume sono stati spesso tiratissimi, escludendo così in parte l’evidenza di quel meraviglioso shuffle che si realizza al meglio nei loro tipici mid-tempo.

Dave Gonzalez, The Paladins

Gonzalez è ancora uno dei migliori chitarristi in quanto a tecnica associata a efficacia nel servire una saporita e ben equilibrata miscela naturale di rock ‘n’ roll, rockabilly, surf, western swing e blues.

Cadillac

Bellissima light blue “Cady” (Special Sixty, credo).

Cadillac

Un’altra Cady, con cappello

Chevrolet Belair

Chevrolet Belair

Plymouth Belvedere

Fiammeggiante Plymouth Belvedere

Rolls Royce

Questa è inglese non americana, ma il fascino senza tempo della Rolls Royce non si discute.

Pubblicato da Sugarbluz in RECENSIONI, Concerti // 6 Ottobre 2013
È vietata la riproduzione anche parziale di questo articolo senza l'autorizzazione dell'autrice
, , , , , , , , ,
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.