Otis Spann – Sessioni soliste 1967-1970

Otis Spann, The bottom of the blues

Mentre Chess con l’inizio del 1967 s’apre alla moda delle super-sessioni (dischi Super Blues e Super Super Blues Band), occasioni che cito perché Otis Spann era tra gli accompagnatori, è ancora Testament a registrare più da vicino il pianista, questa volta dal vivo insieme alla …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Otis Spann – Sessioni soliste 1963-1966

Otis Spann, Good Morning Mr. Blues

Dopo le incisioni soliste del 1960 (v. precedente articolo), Otis Spann continua la consueta attività live e in studio con Muddy Waters, e come sessionman presso Chess. Negli anni 1960 le occasioni come sideman variano, non necessariamente sempre con artisti Chess e non solo nell’ambito …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Otis Spann – Is the Blues & Walking the Blues

Otis Spann Is The Blues

Otis Spann ha avuto una carriera discografica solista relativamente breve, ma dal 1960 molto di suo è stato messo sul mercato, e a guardare tra ristampe con aggiunte, riedizioni con strani missaggi, compilazioni, rarità, introvabili e roba varia, non è facile districarsi. Inoltre, e questa …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

The American Folk Blues Festival 1962-1966, Vol. Two

American Folk Blues Festival vol. 2

Come anticipato nella recensione del vol. 1, il secondo DVD della serie The American Folk Blues Festival copre lo stesso periodo del primo, integrando con ulteriori episodi di alcuni degli stessi artisti e di altri non ancora comparsi. Ho già accennato nell’altro articolo quanto l’arrivo …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dvd

The American Folk Blues Festival 1962-1966, Vol. One

American Folk Blues Festival Vol. 1

Comincio con questo DVD il recupero di una serie di registrazioni fondamentali uscite qualche anno fa, con l’intento di coprire uno spazio lasciato vuoto senza nessun motivo che non sia legato all’impossibilità di potermi occupare di tutto quello che vorrei in tempo reale. Il lato …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dvd

Big Maceo Merriweather – The King of Chicago Blues Piano

Big Maceo Merriweather, The Best Of

La definizione data da Arhoolie sulla copertina di questa raccolta può sembrare esagerata, una di quelle per richiamare l’attenzione e per, appunto, definire il genere, ma porre Big Maceo al vertice della genealogia del blues di Chicago non è affatto un eccesso. Basterebbe solo dire …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

James Booker – Spiders on the Keys

James Booker, Spiders on the Keys

At one point Earl King exclaimed, “I’m watchin’ this shit man, but I can’t believe it. This is too much”. Ha! Ha! The best is still yet to come, buddy. Wait till you pick up on the entire LP by His Highness, namely James Carroll …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

James Booker – Junco Partner

James Booker, Junco Partner

I was born right around the time Jelly Roll Morton, one of our favorite New Orleans pianists, died. He was taught by my grandfather, James Carroll Booker I. All the men in my family have been piano players. My grandfather was a monster. I’m James …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Professor Longhair – Crawfish Fiesta

Professor Longhair, Crawfish Fiesta

Un disco adatto a chi volesse avvicinarsi al Professore, e indispensabile agli appassionati. Se l’altro focalizza le prime incisioni, qui sono racchiuse le ultime, e insieme sono rappresentativi dell’inizio e della fine della storia discografica di Longhair. Una storia divisa in due fasi: la prima …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Professor Longhair – Tipitina

Professor Longhair, Tipitina

Non un disco per neofiti, ma uno per appassionati. Pubblicato da un’etichetta francese, Important Artist, e prodotto da Gilles Pétard, lo stesso che ha compilato la monumentale serie The Chronological Classics, rappresenta l’inizio della leggenda. La discografia di Longhair, ripulita da certe pubblicazioni postume eccedenti, …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Dr John @ House of Blues, Houston 20.8.2010

Dr. John

Se per molti europei assistere ad un concerto ha ancora qualcosa di sacro, non è così per certi americani, escludendo le eccezioni (musica colta, evento ufficiale, artista straniero, ecc.), forse perché hanno tanti di quei tesori musicali da non riuscire a onorarli come si deve, …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Concerti