John Broven – South to Louisiana, the Music of the Cajun Bayous

John Broven, South to Louisiana

Se Paul Oliver fu il pioniere della letteratura inglese di blues, tra i più profondi conoscitori e tra i più influenti e prolifici divulgatori della cultura afroamericana già dagli anni 1950, con scritti di altissima qualità e valenza storica, altri ricercatori e autori inglesi negli anni 1960/70, pur con visioni più circoscritte, cominciarono a colmare qualche mancanza. Mike Leadbitter ad …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Libri

Jimmy Rushing – Rushing Lullabies

Jimmy Rushing Lullabies

All’epoca delle incisioni apparse nei due album qui sopra, l’irripetibile epopea musicale di Kansas City, Missouri, una volta demolita la cosiddetta “Pendergast machine” nel 1939 e i musicisti emigrati altrove, era conclusa da un pezzo, e la II guerra aveva ridimensionato l’era dello swing e delle big band, annunciando quella del bebop sulla scena newyorchese. Tuttavia l’esperienza di KC non …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Legends of The American Folk Blues Festivals

Legends of The American Folk Blues Festival

Il numero in copertina non deve ingannare. Non si tratta infatti di un altro volume della collana edita da Reelin’ In The Years Productions, già recensita in queste pagine (volumi 1, 2, 3 e 4, usciti negli anni 2003, 2004 e 2007), ma si riferisce al terzo capitolo di una serie di una compagnia tedesca, Tropical Music. Fondata nel 1976 …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Filmati

The American Folk Blues Festival 1962-1969, Vol. Three

American Folk Blues Festival vol. 3

Il terzo volume dell’American Folk Blues Festival offre altre diciotto performance, di cui solo sei prodotte da Lippmann per la stessa televisione tedesca che diede inizio alle riprese dei bluesman americani in Europa (vedi volumi 1 e 2) tratte dai festival del 1962, 1965 e 1966. Altre nove del 1967 provengono dalla TV danese, una dal tour del 1969 con …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Filmati

Otis Spann – Sessioni soliste 1967-1970

Otis Spann, The bottom of the blues

Mentre Chess con l’inizio del 1967 s’apre alla moda delle super-sessioni (dischi Super Blues e Super Super Blues Band), occasioni che cito perché Otis Spann era tra gli accompagnatori, è ancora Testament a registrare più da vicino il pianista, questa volta dal vivo insieme alla MWB. La data e il luogo sono ignoti; nella discografia di Muddy è il 1967, …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Otis Spann – Sessioni soliste 1963-1966

Otis Spann, Good Morning Mr Blues

Dopo le incisioni soliste del 1960 (v. precedente articolo), Otis Spann continua la consueta attività live e in studio con Muddy Waters, e come sessionman presso Chess. Negli anni 1960 le occasioni come sideman variano, non necessariamente sempre con artisti Chess e non solo nell’ambito della MWB (intesa come band che accompagna altri) o in quello dell’American Folk Blues Festival. …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Otis Spann – Is the Blues & Walking the Blues

Otis Spann Is The Blues

Otis Spann ha avuto una carriera discografica solista relativamente breve, ma dal 1960 molto di suo è stato messo sul mercato e guardando tra ristampe con aggiunte, riedizioni con strani missaggi, compilazioni, rarità, introvabili e roba varia, non è facile districarsi. Inoltre, ed è una curiosità, più di un’etichetta ha adottato titoli che s’assomigliano comprendendo sempre la parola “blues” su …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Wynton Marsalis – Come il jazz può cambiarti la vita

Wynton Marsalis, Come il jazz può cambiarti la vita

Non è un’autobiografia, anche se inizia con il racconto di quando papà Ellis portò lui e il fratello maggiore Branford, 8 e 9 anni, alla corte del grande banjoista Danny Barker per le prove della Fairview Baptist Church, la cui marching band per ragazzi inizierà al jazz altri nomi noti dell’odierna scena di New Orleans. Non è nemmeno un manuale …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Libri
 

MADE IN ITALY

Luciano Federighi, By the Lonely Lights of the Blues

Non è certo nuovo alle uscite discografiche, Federighi (potrei sbagliarmi ma credo che questo sia il nono disco, il secondo…

St. Mud Avenue

Una recente formazione ligure alle prese con il primo disco omonimo, ma i cui componenti provengono da altre esperienze precedenti…

Al & the Dampers, Grow Up

La copertina fa subito pensare alla celeberrima dei Pink Floyd, però qui la mucca è di tutt’altra razza. Anzi, forse…

Jesus On A Tortilla, Gone To Main Street

Un disco per iniziati fatto da giovani leve è forse quanto di più fisiologico oggi possa capitare in ambito blues.…

The Mexican Dress

Mi risulta che sia il quarto disco in studio per questo combo lombardo che continua a spargere come niente fosse…

Egidio Juke Ingala & The Jacknives, Tired of Beggin'

È fresco di stampa ma carico di vissuto questo dischetto che segna il ritorno discografico di Egidio ‘Juke’ Ingala, tra…

Marco Pandolfi & The Jacknives, Step Back Baby

Il primo (2004) è il disco d’esordio perfetto e il secondo (2006) è la conferma con qualcosa in più di…

Veronica Sbergia e Max De Bernardi

Dopo averli apprezzati dal vivo nell’ormai lontano 2006, è un piacere ricevere il loro disco del 2012 a conferma dell’ottima…

Mark Slim Band, Katrina

Registrato live in tre riprese tra il 2008 e il 2009 in uno studio di Padova con il pensiero e…

Fred Duna & The Full Optional, Got Some More

Inauguro la sezione Made in Italy con un disco registrato nel giugno 2009 a Terni, la “città dell’acciaio” citata nel…

Vedi MADE IN ITALY