Articoli relativi a: Allen Toussaint

Allen Toussaint (Gert Town, New Orleans, La, 1938 – Madrid, 2015), già in vita figura iconica e leggendaria della Big Easy, fine pianista che ha prestato la sua opera come autore, accompagnatore, arrangiatore e produttore per molti artisti di New Orleans e del panorama nazionale, annoverando un gran numero di successi per altri musicisti (senza contare quelli dei tanti che hanno ripreso suoi brani) e svolgendo anche una rada e tranquilla carriera solista a cui, nonostante gli ottimi risultati, ha sempre preferito il lavoro dietro le quinte.
Il primo successo come produttore e arrangiatore lo ebbe nel 1957 con Lee Allen (Walking with Mr Lee). Fu nella band di Dave Bartholomew, che lo assoldò anche come pianista fantasma in qualche registrazione di Fats Domino mentre questi era in tour. Una calata a New Orleans del produttore e talent scout Danny Kessler portò a diverse sessioni, tutte nel secondo studio di Cosimo Matassa, il Cosimo’s Studio, nel genn. 1958, nel mese seguente, e nel dic. 1959. Le prime due occasioni produssero un singolo e un album, rispettivamente a nome di A. Tousan e Tousan, per RCA/Victor, con i grandi concittadini Alvin ‘Red’ Tyler, Nat Perrilliat, Justin Adams o Roy Montrell, Frank Fields e Charles ‘Hungry’ Williams; l’altra diversi singoli e qualche inedito, a nome di Al Tousan, per Seville Records, con Tyler, Perrilliat, Adams, Fields, Williams e Melvin Lastie. Tutti questi strumentali sono usciti nel CD Allen Toussaint, The Wild Sound of New Orleans, The Complete ‘Tousan’ Sessions (Bear Family). Qualche anno dopo il trombettista Al Hirt ebbe molto successo con uno di quei suggestivi brani, Java.
Forse il periodo più fecondo di Toussaint fu quello come A&R man e produttore alla Minit/Instant Records di Joe Banashak, con i successi di Jessie Hill, Ernie K-Doe, Irma Thomas, Aaron e Art Neville, Chris Kenner, Lee Dorsey, Benny Spellmann.
Nel 1965 fondò con l’impresario Marshall Sehorn una compagnia di produzione, Sansu Enterprises, in cui Toussaint era la parte creativa, Sehorn quella commerciale, comprensiva di un’etichetta (Sansu) e varie sussidiarie dai nomi simili (Tou-Sea, e altre) e più tardi uno studio di registrazione. Produsse ancora artisti di N.O. come alcuni dei già citati, Betty Harris, e altri, accompagnati da una favolosa band di base formata da Art Neville, tastiere, Leo Nocentelli, chitarra, George Porter Jr, basso, e Zigaboo Modeliste, batteria, poi noti come The Meters, che dal 1969 avranno una produzione a loro nome. Non avendo ancora lo studio, l’album di Dr John con i Meters, In The Right Place (Atlantic), fu registrato ai Criterion Studios di Miami, a New Orleans invece usava i nuovi studi di Matassa, Jazz City Studio.
Nell’autunno 1973 aprirono il loro Sea-Saint Recording Studio, dove cominciò a gettare le basi per il funk di New Orleans con i dischi dei Meters e dei Wild Tchoupitoulas; tra i primi album prodotti ci furono nel 1974 Desitively Bonnaroo di Dr John e Rejuvenation dei Meters. Epic Records vi mandò le LaBelle, che tornarono con il successo mondiale di Lady Marmalade. Vi lavorarono arrangiatori come Wardell Quezergue e musicisti come James Booker; Toussaint inoltre vi registrò i suoi primi album da solista con il vero nome, Southern Nights e From a Whisper to a Scream. La fama dello studio crebbe e arrivarono artisti fuori dall’ambito di New Orleans, da Paul McCartney a Paul Simon, da John Mayall a Elvis Costello, e altri. Toussaint collaborò inoltre con The Band, Albert King, Etta James, Joe Cocker, Solomon Burke, Willy DeVille, Sandy Denny.
Purtroppo Katrina spazzò via tutto, inclusa la sua casa. Visse qualche anno a New York, poi tornò a New Orleans; nel frattempo continuò varie collaborazioni. Gli ultimi dischi a suo nome sono gli splendidi The Bright Mississippi e American Tunes: come pianista, forse l’influenza di Prof. Longhair si sente di primo acchito nel tocco frizzante e portante. L’ho incontrato a Bologna (v. sotto) senza preavviso alla fine di un suo concerto e, nonostante me lo aspettassi, la sua dolcezza, la sua gentilezza e il tempo concessomi mi hanno spiazzato ugualmente: un signore.

James Booker, Junco Partner

James Booker – Junco Partner

I was born right around the time Jelly Roll Morton, one of our favorite New Orleans pianists, died. He was taught by my grandfather, James Carroll Booker I. All the men in my family...

Ernie K-Doe's Mother-in-Law Lounge

New Orleans 2010 – pt 2

A New Orleans il culto del Voodoo assunse una variante specifica con l’operato di Marie Laveau, che cambiò la finalità stessa delle credenze religiose. Tra i suoi strumenti figurava un grosso serpente, Zombi, tenuto...

Allen Toussaint Festival, Bologna

Allen Toussaint Festival, Bologna

In un’attività cinquantennale come autore, accompagnatore, arrangiatore (in particolare delle sezioni fiati, ma anche ritmiche), discografico, produttore e infine come solista, Allen Toussaint ha coinvolto decine di artisti, progetti ed etichette: il suo nome...