Articoli relativi a: Bud Spires

Benjamin Spires (1931-2014), detto Bud Spires, cantante e armonicista blues cieco dell’area di Bentonia, MS, accompagnatore di Jack Owens (1904-1997) per più di trent’anni. Cominciò da bambino, ma prese a dedicarsi davvero all’armonica solo una ventina d’anni più tardi, quando divenne gradualmente cieco a causa di un incidente sul lavoro. Si legge che nei primi anni 1960 Owens gli regalò un’armonica cromatica; inoltre Spires ha dichiarato che quando cominciò a suonare insieme al chitarrista aveva un’armonica a doppia ancia e Owens una chitarra elettrica. Personalmente però, in tutte le occasioni in cui li ho sentiti o visti (nei filmati) ho sempre sentito o visto Spires con una diatonica e Owens con un’acustica.
Spires ha anche dichiarato che prima di incontrare Owens non sapeva suonare le note, e che ha imparato solamente ascoltando e suonando con lui, e inoltre che aveva bisogno di stargli vicino per sentire le note che faceva sulla chitarra. Infatti li si vede sempre molto vicini, a contatto, Spires integrando la performance di Owens con interazioni parlate, commentando una frase cantata dal chitarrista o incitandolo nel classico modo (“dì la cosa giusta”, “prendi il tuo tempo”, ecc.). Era noto anche come “storyteller” (se ne ha prova nel filmato recensito sotto, Deep Blues), sempre pronto a raccontare barzellette e storie popolari, alcune abbastanza indecenti.
Il loro repertorio includeva i brani della tradizione di Bentonia, e quindi associati a Skip James.
Sempre restii a volare oltreoceano sono stati piuttosto stanziali, suonando regolarmente al juke joint di Owens a Bentonia (chiuso negli anni 1960), e in quello di Jimmy ‘Duck’ Holmes, il Blue Front Cafe (v. sotto), o al massimo nei festival in giro per il Mississippi, come al Sunflower River Blues Festival. Solo negli ultimi anni di vita di Owens hanno cominciato a viaggiare un po’ di più, spingendosi ben oltre il Mississippi negli anni 1990 quando invitati nei festival. Spires ha accompagnato anche Jimmy ‘Duck’ Holmes dal vivo, sempre al Blue Front Cafe, e in un paio di dischi.
Alan Lomax nel libro La terra del blues lo definisce “un’orchestra rovente formata da un sol uomo che con ruvidi accordi d’armonica blues accompagnava frasi e commenti striduli, sottolineando le immagini più audaci. A volte lo strumento quasi gli scompariva in bocca, mentre soffiava e aspirava le note dalle sue ance di metallo” (trad. mia). Era figlio di Arthur ‘Big Boy’ Spires, cantante e chitarrista blues emigrato a Chicago negli anni 1940 che incise per Chess e altre note etichette chicagoane dell’epoca; fu poi discograficamente recuperato da Pete Welding durante il revival folk-blues dei primi anni 1960.

Blue Front Cafe, Bentonia, Mississippi

Bentonia, Mississippi

In certe cartine Bentonia non è compresa nella regione Delta, ma lo è in quanto risiede nella Yazoo County, contea in parte pianeggiante e in parte collinare dell’estremo sud-est del Delta, e credo che...