Lightning in a Bottle

Lightning in a Bottle

Il concerto newyorchese di beneficenza A Salute to the Blues al Radio City Music Hall, il 7 febbraio 2003, diede avvio al tanto atteso Year of the Blues. Le riprese dell’evento ebbero la supervisione di Martin Scorsese, produttore esecutivo, la regia di Antoine Fuqua e la direzione musicale di Steve Jordan, batterista e percussionista noto nella band del Saturday Night …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Filmati

Crivellaro Super Trio, Lido Po di Boretto (RE)

Enrico Crivellaro

Una calda e umida notte estiva (22 luglio 2006) al Lido Po di Boretto per un concerto di Enrico Crivellaro con l’organista austriaco Raphael Wressnig (Hammond B3), organizzato da Kayman Records all’Ikebana Club. Repertorio incentrato soprattutto sul west-coast blues anni 1940/50. A seguire, James Monque’d da New Orleans, tra gli artisti in gravi difficoltà dopo il passaggio dell’uragano Katrina. Nel …

Di più
Pubblicato in BLUES & PICS

Robert Jr Lockwood – Steady Rollin’ Man

Robert Lockwood, Steady Rollin' Man

Come Chicago Beat degli Aces anche Steady Rollin’ Man di Robert Lockwood nacque nel primo periodo di riscoperta del blues: suoni provenienti da un’altra epoca attraversanti la metà degli anni 1960, creando un piccolo varco tra i generi più in voga del tempo. Riscoperta da parte del pubblico s’intende, non rinascita di una musica che aveva comunque continuato a esistere, …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

The Aces – Chicago Beat

The Aces, Chicago Beat

The Aces fu la più richiesta, snella, potente e swingante sezione ritmica del blues del secondo dopoguerra di Chicago. Dopo più di vent’anni passati come gruppo solista e di accompagnamento, in studio e dal vivo, dei più bei nomi della città (tra le collaborazioni più riuscite quelle con Little Walter e Otis Rush), agli albori degli anni Settanta la formazione …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Roots & Blues Food Festival, Sissa (PR) 24.6.2006

Big George Brock

Dopo la parziale ma cocente delusione subita a Castel San Pietro, una delle tappe del Roots & Blues di Parma, presso l’antica fornace di Gramignazzo, mi ha risollevato un po’ il morale. Spero non sia stato un caso isolato e che la sua formula sia ripetibile: come si vedrà, non c’è bisogno di strafare, è solo questione di centrare il …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Concerti

Castel San Pietro in Blues, 26-27.5.2006

Louisiana Red, Little Freddie King

Mentre si discuteva dell’argomento “palazzetto sì o palazzetto no” al posto della piazza delle precedenti edizioni, altre più tristi realtà venivano a galla dal palcoscenico, le quali non riguardavano né la desolazione del nuovo sito, né la pessima acustica che ci si aspetta da un palazzetto sportivo. Infatti, mentre il Deltablues di Rovigo è in quarantena, a Castel San Pietro, …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Concerti

The American Folk Blues Festival – The British Tours 1963-1966

American Folk Blues Festival

Anno 1963. In uno studio televisivo particolarmente suggestivo grazie a un bianco e nero da film espressionistico tedesco, Memphis Slim introduce al pubblico The King of the Harmonica, Sir Sonny Boy Williamson II. E lui appare, in completo scuro e accessoriato con cartella da ufficio, bombetta e ombrello stile impiegato della City, come a ironizzare su un’improbabile integrazione londinese. Dopo …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Filmati

Steve Cropper – With a Little Help from My Friends

Steve Cropper, With a little help from my friends

Nello stesso anno di Jammed Together, 1969, Steve Cropper registrò anche questo disco superbo, poco prima di lasciare la casa di Memphis che poi chiuse ufficialmente i battenti agli inizi del 1976, già in crisi economica e artistica da qualche anno, e alla fine in bancarotta. Uscì prima della fine dell’anno credo direttamente per Stax, poi nel 1971 per la …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi

Cropper/Staples/King – Jammed Together

Cropper/Staples/King, Jammed Together

Se è vero che l’essenziale è invisibile agli occhi, è pur vero che l’essenziale a volte si può sentire. Non ci sarebbe molto altro da dire, è già abbastanza un mistero per me comprendere come sia possibile rendere un disco di plastica con un buco in mezzo una piccola opera d’arte, quando poi girandolo da entrambe le parti non si …

Di più
Pubblicato in RECENSIONI, Dischi