Articoli relativi a: Cosimo Matassa

Cosimo Vincent Matassa (1926-2014, New Orleans), noto come Cosimo Matassa, discografico fondamentale nell’avvio, nel successo e nello sviluppo del rhythm and blues / rock ‘n’ roll di New Orleans anni 1950/1960.
Nel suo studio, nonostante l’attrezzatura primitiva, una metodologia spesso improvvisata e spazi esigui fu, come J.D. Miller, pioniere e fautore delle nuove e iconiche sonorità provenienti dal sud della Louisiana.
Doveva diventare chimico, e invece lasciò la Tulane University preparandosi a entrare nella storia della musica aprendo nel 1945, a diciott’anni, un suo studio di registrazione, il J&M Recording Studio, nel retro del negozio del padre John Matassa e di Joe Mancuso, al 838-40 North Rampart.
Al tempo era l’unico studio di registrazione in tutta la Louisiana tanto che anche Jay Miller nel 1946 se ne servì. Nei primi anni (indicativamente fino al 1949) il registratore usato da Matassa non era a nastro, ma si trattava di un disc cutter (Presto 28N), un piccolo tornio che tagliava un master incidendo la gommalacca; ci volevano ore per ottenere un buon risultato finale.
Tutto cominciò con il successo di Roy Brown, Good Rockin’ Tonight (De Luxe) nel 1947 (ma anche di Annie Laurie, Since I Fell for You, e di Dave Bartholomew, Country Boy) e, due anni più tardi, con Fats Domino coadiuvato dall’autore, bandleader e trombettista Dave Bartholomew (negli anni 1950 sarà il produttore e arrangiatore più importante di NO), quando registrarono otto brani per Imperial tra cui il successo nazionale The Fat Man. Si chiamava ancora R&B ma era già rock ‘n’ roll grazie all’impeto delle terzine di Domino, al suo falsetto, e al costante back beat di Earl Palmer. Matassa inaugurò la nuova attrezzatura proprio con Domino: uno dei primi registratori a nastro Ampeg e quattro microfoni, non più uno solo, ma ancora una sola traccia.
Avvennero tanti miracoli in quel luogo grazie anche all’orecchio di Matassa e alla sua capacità di sfruttare al meglio le poche attrezzature e il poco spazio. Dopo De Luxe dal New Jersey e Imperial da L.A. (e prima di loro le major RCA e Decca) affluirono altri produttori di indie forestiere, come Aladdin, Specialty, Modern, Atlantic, Mercury, Chess, Savoy, e seguirono altri successi, come Tutti Frutti di Little Richard per Specialty. Da Matassa registrarono artisti locali come Prof. Longhair, Smiley Lewis, Lloyd Price, Bobby Charles, Clarence ‘Frogman’ Henry, Lee Dorsey, Frankie Ford, Irma Thomas, Ernie K-Doe, Shirley and Lee, The Spiders, e venuti da fuori come Big Joe Turner, Ray Charles, Guitar Slim, Jerry Lee Lewis, e tanti altri.
Il primo studio chiuse nel 1956, il secondo aprì dapprima per poco tempo al 523 Governor Nicholls, nel quartiere francese, poi al 525, più grande, chiamato Cosimo’s Studio; qui cominciò a usare un paio di registratori a tre tracce e un riverbero a piastra EMT, e qui arrivò un quindicenne Allen Toussaint con Snooks Eaglin per un’audizione con Bartholomew. Toussaint poi produrrà molti successi qui (la maggior parte per Minit), come quelli dei già detti Ernie K-Doe, Irma Thomas, Lee Dorsey, e per Lee Allen, Jessie Hill, Aaron e Art Neville, Chris Kenner, Benny Spellman (e i suoi primi dischi da solista, oggi in The Wild Sound of New Orleans). Quando chiuse anche questo ne aprì un terzo al 748 Camp Street. Il successo di Matassa si realizzò anche grazie al fatto che non ebbe concorrenza, e dal 1945 ai primi anni 1970 potenzialmente ogni disco prodotto in città uscì da uno dei suoi studi, prima che Toussaint e Marshall Sehorn inaugurassero il loro Sea-Saint Recording Studio (Toussaint lo aprì proprio perché Matassa chiuse il suo).
Da ricordare anche e soprattutto i componenti delle studio band, come il già citato batterista Earl Palmer, il bassista Frank Fields, il chitarrista Ernest McLean, i sassofonisti Herbert Hardesty, Clarence Hall, Joe Harris, Alvin ‘Red’ Tyler e il già nominato come solista Lee Allen, il pianista Edward Frank, ma anche i solisti Huey Smith e James Booker, quest’ultimo nello stesso periodo in cui vi era anche Dr John (come chitarrista). Anche Fats Domino in qualche occasione fece da accompagnatore. Inoltre, altri chitarristi come Walter ‘Papoose’ Nelson, Justin Adams, Roy Montrell, il bassista Peter ‘Chuck’ Badie, il trombonista Waldron ‘Frog’ Joseph, e un altro grande batterista, Charles ‘Hungry’ Williams.

Lloyd Price Rocks

Lloyd Price – Lloyd Rocks

La copertina di questa raccolta Bear Family ritrae Lloyd Price con la sua orchestra, formata da nomi eccellenti e diretta da Slide Hampton al Trianon Ballroom di Chicago. Tra le foto rivelanti l’atmosfera del...

Big Joe Turner Rocks CD

Big Joe Turner Rocks

Un altro dischetto della serie “Rocks” di Bear Family, dopo quello di Smiley Lewis, per un altro tanto corpulento quanto trascinante protagonista del rhythm and blues concepito per le sale da ballo dell’epoca pre...

James Booker, Junco Partner

James Booker – Junco Partner

I was born right around the time Jelly Roll Morton, one of our favorite New Orleans pianists, died. He was taught by my grandfather, James Carroll Booker I. All the men in my family...

Professor Longhair, Tipitina

Professor Longhair – Tipitina

Non un disco per neofiti, ma per appassionati. Pubblicato da un’etichetta francese, Important Artist, e prodotto da Gilles Pétard, lo stesso che ha compilato la monumentale serie The Chronological Classics, rappresenta l’inizio della leggenda...

Smiley Lewis Rocks CD cover

Smiley Lewis Rocks

Trentasei tracce in un solo dischetto, tutte registrate negli studi di Cosimo Matassa a New Orleans dall’aprile 1950 al giugno 1958: la tedesca Bear Family non si smentisce pubblicando questa raccolta da tempo dovuta....

Ernie K-Doe's Mother-in-Law Lounge

New Orleans 2010 – pt 2

A New Orleans il culto del Voodoo assunse una variante specifica con l’operato di Marie Laveau, che cambiò la finalità stessa delle credenze religiose. Tra i suoi strumenti figurava un grosso serpente, Zombi, tenuto...

Jay D. Miller Studio, Crowley, LA

Crowley, Louisiana 2010

Proseguendo verso est sulla Interstate 10 da Lake Charles dopo una sessantina di chilometri si arriva a Crowley, città sede dell’Acadia Parish, una delle ventidue contee della regione acadiana nella Louisiana del Sud; siamo...