Articoli in riferimento a: Papa George Lightfoot

Alexander Donaldson Lightfoot (1924-1971), detto ‘Papa George’ Lightfoot, cantante e armonicista rural blues di Natchez, Mississippi (v. sotto), dove nacque e visse per gran parte del suo tempo. Pubblicò pochi singoli per diverse note etichette degli anni 1950, come Peacock (1949 – in una strana accoppiata con i Gondoliers di Edgar Blanchard, chitarrista poi noto a New Orleans), Sultan (1950), Aladdin (1952 – ancora con Blanchard), King (1953 – con Champion Jack Dupree), Imperial (1954 – la sua miglior sessione), Savoy (1955), non avendo successo se non localmente. Acquisì un suo stile riconoscibile cantando nel microfono dell’armonica, ottenendo quindi un suono ruvido e distorto.
Dopo anni di oblio fu riscoperto da Steve LaVere nel 1969, grazie al quale avviò una seconda carriera che attraversò brevemente gli anni finali del primo blues revival. LaVere lo registrò a Jackson, MS, negli studi Malaco, con l’aiuto di Johnny Vincent per Vault Records (album “Natchez Trace”). Il disco ebbe scarsa promozione, tuttavia Lightfoot poté salire sul palco dell’Ann Arbor Blues Festival del 1970, ma un anno dopo morì a causa dell’alcolismo e dei postumi di una grave ferita di coltello (secondo LaVere) subita nel 1969 da un marito geloso, che peraltro lo scambiò per un’altra persona.

Natchez-Vidalia Bridge from Natchez Bluff Riverside, Mississippi

Port Gibson & Natchez, Mississippi

Prendiamo la Natchez Trace Parkway da Jackson verso sud destinazione Natchez. Si entra in un altro mondo. La Natchez Trace Parkway è una strada panoramica, originariamente tracciata dai bisonti e dai cacciatori preistorici. È...