Articoli in riferimento a: Rufus Thomas

Rufus Thomas (26 mar. 1917, Cayce, MS – 15 dic. 2001, Memphis, TN) ebbe una lunga carriera di intrattenitore come cantante, dj WDIA, autore, ballerino, attore, dal vaudeville dei Rabbit Foot Minstrels al rhythm and blues, soul e funk di Memphis, città in cui svolse un ruolo centrale, anche come promotore di artisti. Padre delle cantanti Carla Thomas, della più giovane Vaneese Thomas, e del tastierista e arrangiatore Marvell Thomas.
Rufus, Marvell e Carla contribuirono tutti a Stax Records, nel leggendario studio che definì il soul di Memphis; Rufus e Carla furono proprio i primi a registravi nell’estate del 1960 (e tra gli ultimi ad abbandonare la nave prima del naufragio). Precedentemente a Stax registrò nel Sun Studio, avendo successo nel 1953 con l’answer-song (all’Hound Dog di Big Mama Thornton) Bear Cat, ai tempi in cui lo studio era stato appena aperto e l’etichetta Sun Records ancora non esisteva. Negli anni 1940 aveva preso il posto di Nat D. Williams come presentatore dell’Amateur Night del Palace Theatre, dove prima si esibiva come comico e ballerino. Da quelle serate fisse “del dilettante” molti presero il via, come Junior Parker, Bobby Bland, Ike Turner, Rosco Gordon. Il caso più noto è B.B. King, che proprio grazie a Thomas poté esibirsi molte settimane di seguito e iniziare così la sua brillante carriera.

B.B. King's Club, Memphis, Tn

Memphis, Tennessee – pt 4

Altro da Beale Street: ex-Mitchell’s, W.C. Handy, Rum Boogie Cafe, Hard Rock Cafe, Elvis contest, Tap Room, B.B. King’s Club, Lansky Bros. Tombe di Bukka White, Rufus Thomas, Al Jackson Jr, Bar-Kays …

Beale Street, Memphis, Tn

Memphis, Tennessee – pt 1

Non posso non cominciare da Memphis, inizio e poi fine di duemiladuecento miglia attraverso il Mississippi, cioè tremilacinquecento chilometri.Spazi sconfinati, piccole comunità, backroads, rovine, lotti vuoti, città fantasma, persone, suoni, silenzi, acque, non so...

Peter Guralnick, Lost Highway

Peter Guralnick – Lost Highway

È più interessato al ritratto umano che all’analisi musicale, Guralnick, ma attraverso la vulnerabile umanità di questi affreschi i musicisti rivelano la loro autenticità, la reale sostanza di cui la loro musica è fatta.La...

Respect Yourself, Stax Volt Revue

Respect Yourself – Stax Volt Revue

In Memphis in the ’60s, people who couldn’t dine together joined together to make music, soul music, at a place called Stax. È il preambolo di quest’altra bella pubblicazione Reelin’ in the Years uscita...